• Home
  • Comunicati stampa
  • Decreto lampo Governo Meloni, VITA : “Tolto il diritto di libero incontro e manifestazione. Basta inganni: i decreti Covid vanno abrogati, i sanitari risarciti ed i sieri ritirati immediatamente”

Decreto lampo Governo Meloni, VITA : “Tolto il diritto di libero incontro e manifestazione. Basta inganni: i decreti Covid vanno abrogati, i sanitari risarciti ed i sieri ritirati immediatamente”

|

In seguito al  Decreto legge 162 del 31 ottobre 2022 concernente l’inasprimento delle pene per  l’ occupazione ed invasione luoghi, il partito VITA  assume subito una ferma posizione contraria “l’art.5 è un ennesimo pericoloso attacco alla libera manifestazione del dissenso. L’art. 7 è una occasione persa per invertire la rotta dei provvedimenti precedenti incostituzionali e lesivi.”

Il neo Governo Meloni ha appena approvato un decreto lampo, decreto legge 162 del 31 ottobre 2022, che all’art.5 introduce un nuovo articolo al codice penale, il 434-bis, inasprendo la pena (fino a 6 anni e 10mila euro)  per l’ invasione di terreni o edifici sia privati che pubblici.

A tal proposito Sara Cunial dichiara:

“L’art. 5 è ciò che mancava ad un regime repressivo per potersi proteggere dal dissenso popolare. Il pretesto è discutibile ma l’obiettivo è la repressione di qualsiasi raduno o manifestazione in scuole, fabbriche, case, strade e piazze”.

L’invasione di terreni o edifici era già disciplinata dall’ art .633 Codice Penale: 

“Chiunque invade  arbitrariamente terreni o edifici altrui, pubblici o privati, al fine di occuparli o di trarne altrimenti profitto, è punito, a querela della persona offesa, con la reclusione fino a due anni o con la multa da 103 euro a 1.032 euro. Si applica la pena della reclusione da due a quattro anni e della multa da euro 206 a euro 2.064.“

Il nuovo art.5 del Decreto recita “Art.  434-bis  (Invasione  di  terreni  o  edifici  per   raduni pericolosi per l’ordine pubblico o l’incolumita’ pubblica o la salute pubblica). 

– L’invasione di terreni o edifici per  raduni  pericolosi per l’ordine pubblico o l’incolumita’ pubblica o la  salute  pubblica consiste nell’invasione  arbitraria  di  terreni  o  edifici  altrui, pubblici o privati, commessa da un  numero  di  persone  superiore  a cinquanta, allo scopo di organizzare un raduno, quando  dallo  stesso può derivare un  pericolo  per  l’ordine  pubblico  o  l’incolumità pubblica o la salute pubblica. 

Chiunque organizza o promuove l’invasione di cui al  primo  comma è punito con la pena della reclusione da tre a sei  anni  e  con  la multa da euro 1.000 a euro 10.000”. 

Il reato è stato inserito in quelli elencati dal decreto legislativo n.159 del 06 sett 2011 del codice delle leggi antimafia e della prevenzione, al pari dei “soggetti pericolosi che operanti  in  gruppi  o  isolatamente,   pongano   in   essere   atti preparatori, obiettivamente rilevanti,  ovvero  esecutivi  diretti  a sovvertire l’ordinamento dello Stato”, includendo le intercettazioni tra gli strumenti degli inquirenti. 

In sostanza sono previste  solo manifestazioni autorizzate, sarà il prefetto a decidere quando c’è pericolo di sicurezza e salute pubblica e quindi il Ministero dell’ Interno.
In pubblico così come in privato. 

Se più di 50 persone manifestano senza autorizzazione o si incontrano in modo pacifico, secondo il nuovo decreto  invadono una piazza e possono essere caricati, multati ed incarcerati.

Il partito VITA, presieduto da Sara Cunial,  intende prendere una ferma posizione contraria a questo articolo che può reprimere pericolosamente anche le innocue manifestazioni di dissenso  o i pacifici incontri pubblici o privati.

Come richiesto nella mozione VITA https://www.votalavita.it/richieste-al-governo-meloni/  inviata da tantissimi cittadini italiani, il nuovo Governo può e deve assumere una posizione netta ed inequivocabile contro la MALA gestione pseudopandemica. 

I decreti Covid vanno abrogati, i sanitari risarciti ed i sieri ritirati immediatamente.   

Con questo primo provvedimento, il Governo Meloni non riesce a nascondere la propria vocazione.