Massimo Fioranelli, candidato VITA nel Lazio

| Luisa |

“Concepire la scienza come una nuova religione è uno dei momenti cruciali della deriva culturale del nostro paese.

La scienza non è un atto di fede incondizionato e una visione della scienza come mezzo che insegni al popolo a sottostare alla legge alla volontà del Governo è pericolosissima.

Abbiamo assistito al depotenziamento del nostro sistema sanitario pubblico a favore di quello privato, una desolazione umana prima ancora che professionale. Quando la salute diventa l’oggetto della politica e diventa quindi sostanzialmente un obbligo da adempiere a qualsiasi prezzo, per quanto il prezzo sia alto, cessa di essere qualcosa che riguarda l’autodeterminazione dell’individuo.

Ma il diritto e la VITA non devono essere confusi. Il primo atto di una riforma della sanità dovrà essere l’abolizione dell’infernale legge Lorenzin, che ha ipotecato la salute dei figli di questa nostra nazione.”

Ti è piaciuto l’articolo? Condivilo sui social

Autore dell’articolo